flamenco

Suoni flamenchi (Sones Jondos)

I suoni del flamenco (sona jondos) sono la parte più antica dell'arte del flamenco. Il loro nome deriva dal cantato chiamato deep in cui l'artista deve cercare dentro di sé per trovare i suoi sentimenti più profondi. Il Flamenco Sing è cantato in un modo antico con testi e argomenti tradizionali con elementi apprezzati dagli amanti del flamenco come l'espressività emotiva.

Tablao Flamenco Cordobes

Gli argomenti includono la vita dura dei minatori, la gioia di avere una nave o le diverse emozioni come il lutto o l'ingiustizia

Serranas
"La Serrana" è una canzone in stile flamenco con quattro versi di ritmo di coppia, la prima e la terza di sette sillabe e la seconda e la quarta con cinque sillabe. A questo copla si aggiunge un trio nei suoi versi che rimima il primo e il terzo versetto di cinque sillabe, mentre il secondo, di sette sillabe, rimane solo. Questa canzone è accompagnata dal ritmo del seguiriya e viene detto e ammesso che le sue origini si trovano
 nella Serrania de Ronda, e furono i contrabbandieri e i banditi i pionieri a cantarli nella prima metà del diciannovesimo secolo. Il primo riferimento che abbiamo di questo ballo è nel 1953 quando Antonio Ballet ha debuttato al Festival di Granada; José de la Vega li ha applauditi nel 1955 al Theatre Champs Elysees di Parigi. Anche ballato da Flora Albaicín e Manolo Vargas nel 1958, non c'è accordo su chi fossero i pionieri.

Cabales
Le cabale sono una variazione dei seguiriya, cantate in un'altra intonazione. È come un coro personalizzato. La sua creazione è attribuita a Silverio Franconetti.

Seguiriya
Dalla parola seguidilla provengono le variazioni: seguiriya, seguirilla, siguiriya o siguerilla. È una delle più antiche varianti del flamenco. È considerato il più emblematico canto di flamenco che proviene dal tonás che è apparso tra Cadice e Siviglia, nei porti di Jerez e nel quartiere di Triana. È un canto oscuro con valori tradizionali. I testi sono tragici e mostrano la sofferenza delle relazioni umane, amore e morte. Viene anche chiamato seguiriya zingaro perché lo usavano per esprimere i loro problemi. I testi mostrano il dolore della gente zingara, alienata dalla società per tre secoli. È anche un punto cruciale nel flamenco perché con il seguiriya il canto si mescola con la chitarra. Nella danza, dopo Vicente Escudero, sono stati eseguiti anche da danzatrici come Pilar López che aggiungono il suono delle nacchere. Il seguiriya cantato da Manolo Caracol e ballato da Pilar López e Luisa Ortega nel 1956 nello spettacolo Torres de España è stato indimenticabile.

Saeta
Secondo Carlos Almendros possiamo considerare il Saeta un canto bizantino-mozarabico che la città mescolava con romanzi o toni. Alcuni teorici nominano Enrique el Mellizo e Manuel Centero i creatori di questa variazione; altri nominano anche Antonio Chancón e Manuel Torres.
Tablao Flamenco Cordobes
Tablao Flamenco Cordobes

Niente è scritto. Il flamenco è una tradizione orale, solo la musica per chitarra è stata trascritta su carta.

Martinete
Il nome Martinete deriva dal martello (martillo in spagnolo) i fabbri usati per modellare il ferro. Questa variazione è stata drammatizzata per gli spettacoli di flamenco. Per più di un secolo e mezzo questo gemito fu cantato molto e un giorno nel 1952 il danzatore di Siviglia Antonio lo ballò e poi fu immortalato da Edgar Neville nel film "Duende y Misterio Flamenco".

Debla
Gli esperti di flamenco parlano dell'origine del debla. Antonio Machado Álvarez, padre dei poeti Antonio e Manuel Machado, detto Demófilo, ha detto: "La parola debla è zingara e significa bontà". È una variante del martinete e molto difficile da eseguire. Il Debla è simile a un Toná. La sua registrazione nel 1950 causò problemi con suo fratello Arturo perché era esclusivo delle gitane. Nel 1969 la ballerina Merche Esmeralda nel tablao Los Gallos de Servilla, eseguì un originale Debla. La danzatrice ballava al compasso del martinete per la "cabal de seguiriya", in una messinscena di Matilde Coral.
Soleá. Autore: anonimo

“La noche del aguacero


dime donde te metiste


que no te mojaste el pelo”


 


The night of the downpour


tell me where did you get


so your hair didn’t get wet. 


 


This post is also available in:
Español English Català 简体中文 日本語 Русский Français Deutsch 한국어

Soleá
È la madre di numerosi canti con la stessa bussola; la spina dorsale della danza flamenca. Ma chi non si è sentito solo? Con il sole si esprime la tristezza di quel male, a causa dell'abbandono della persona amata o di un amore impossibile. Nei suoi testi sono riflessi molti sentimenti dell'anima.

Caña e polo
Sono derivati ​​dall'unica. Si distinguono per il "lamento" della chitarra, una melodia che in seguito fu seguita dal canto. Gli "ayes" monosillabici attraverso i quali il cantante esprime il suo lamento sono sostituiti nella caña per "aes", incatenato alle metriche. Una delle differenze con la polo è che utilizza invece la "o". Entrambi hanno una variazione finale chiamata "macho" .Nella danza, la caña ha avuto Pilar López come il suo interprete più importante.Nel film "Duende y misterio del flamenco" Edgar Neville ha filmato il ballerino Alejandro Vega, il ballerino ritenuto Pilar López partner preferito per ballare questo stile Un'altra famosa caña è la caña di Antonio, cantata da Antonio Mairena e accompagnata dal famoso chitarrista Manuel Morao.

Taranta, taranto, minera, cartagenera
Taranto è il nome dato a tutto ciò che nasce ad Almería. Si dice che sia una varietà del fandango. Gli emigranti di Almeria si sono diffusi nelle loro province vicine ma sono originali di Almería, Jaén e Murcia. Questo canto viene dalla gola con urla di dolore. Il Taranto ha gli echi delle miniere e l'angoscia dei minatori. Si distingue dalla taranta perché ha la bussola dello zambra. Dalla Taranto derivano i minerali e i cartageneras. Nella danza, il taranto ha dato un grande cambiamento all'inizio degli anni Cinquanta del secolo scorso dal grande ballerino Rosario. Non tutti hanno osato ballarlo. Dopo i suoi altri ha fatto come Flora Albaicín e Carmen Rojas nel balletto di Antonio. Era anche famoso il Taranto di Carmen Mora, Merche Esmeralda e Cristina Hoyos.

“Translation by Google Translate check the original Text in English”

show

Scopri la storia di Tablao Flamenco Cordobes

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.