Torna agli Artisti

flamenco Cantante

El Quini de Jerez

Marin Joaquin Flores, artisticamente conosciuto come "El Quini de Jerez" è nato a Jerez, nel quartiere di Plazuela nel 1980 nella famiglia gitana della tavoletta.

Marin Joaquin Flores, artisticamente conosciuto come "El Quini de Jerez" è nato a Jerez, nel quartiere di Plazuela nel 1980 nella famiglia gitana della tavoletta.
Con soli 12 anni inizia a cantare come professionista Palmero che accompagna la ballerina Manuela Carpio fino al 15, quando entra a far parte della compagnia di Antonio el Pipa. Nel corso della sua carriera ha lavorato con molti artisti importanti come Tomasa Guerrero "La Macanita" Fernando Terremoto, Elu de Jerez o Merchora Ortega, tra gli altri.
Già con 20 anni di maturare come cantante, decide di avventurarsi in canto e lasciarsi alle spalle il suo tempo come Palmero. Nel Lagar de Grill, uno dei luoghi più rappresentativi di Jerez inizia come cantante e iniziano la loro actuacions nei club, concorsi e festival, vincendo il primo premio di Cantes da Bulería Jerez un anno più tardi.
Dopo il suo successo si è unito alla compagnia di Antonio Gades, girando il giro del mondo dopo il giro: Stati Uniti d'America, Francia, Londra, California, il Marocco e Brasile sono state alcune delle loro destinazioni.
Intervista flamenco-in-persona blog
'Dove cantato?
Beh, credo che prendo il canto da quando ero piccola, di ascoltare alle feste la mia famiglia e le cose che mi ha fatto mio padre.
-Perché Avete deciso di smettere di essere Palmero ad essere cantante?
Molto semplice, perché il canto è quello che mi piace di più al mondo, non poteva toccare le palme a guardare i cantanti di cui godevano cantare e mettere tutte le loro sofferenze e le gioie nelle loro canzoni.
Pensi che c'è differenza tra cantare una zingara di una zingara?
Ben guardare Penso che se c'è una differenza.
'Perché?
Beh, perché penso che il canto gitano riempie molto e trasmette più perché prende in, come cantare una zingara si può piacere molto e fare molto bene, ma trasmettere il canto gitano senza essere è molto difficile non è, è il mio modo pensando.
I're caratterizzato dal soniquete e la bussola quando canto Pensi che lo dovete a Jerez?
Certo, certo che le dà il paese in cui si nasce, portare un senso del ritmo è molto difficile.
'Il tuo bastone preferito ora cantare?
Il Buleria, mi sento molto agusto quando canta e quando ballo.
'Che cosa pensi quando si arriva sul palco?
Questa è una domanda che non si può dire se volevo, molti sentimenti insieme quando canto, che cosa succede se posso dire che ho sempre pensare a mia madre Joaquina, purtroppo, non hanno qui, e per me è il mio Angelo Custode e quando salire sul palco è sempre con me, lo so.
Ti piace cantare all'estero?
Certo, non è la stessa, ma mi piace anche perché le persone spesso rispettano molto di più.
-Cosa Pensi di donne cantante?
Che l'uomo è benedetto per la mia gloria, penso che dovrebbe rispettare che anche lo stesso uomo e ringrazio Dio hanno il loro posto nel mondo del flamenco.
'Il tuo cantante preferito?
Manuel de los Santos Pastor, "Agujetas", perché è il cantante preferito trasmesso da ciascuna e ha una bellissima e unica eco dice anche il canto come realmente è, non è messo a strillare come molti cantanti di oggi.
'Ogni ballerina che si eccita mentre si canta?
Se, Juan Manuel Fernandez Montoya "Farruquito".
Come vede flamenco oggi?
L'uomo ci sono cose che megustan, se tu dici io canterò Seguirilla pos lo fanno e basta, ma non ottengono al mondo che quello che stanno cantando non Seguirilla, Seguirilla o altri club, più mi dai vecchi cantori mi piace cantanti moderni, ma ho un po 'come il vecchio come il terremoto, moneybag, Caracol, Mairena, Fernanda de Utrera e molti altri.
'E che Quini da dove viene, perché il tuo vero nome è Joaquin?
Beh, non posso dire che viene dal piccolo Quini Joaquín, che cosa succede se ho messo la mia madre.
-¿Para Quando un mercato del disco da solo?
Bene fino al momento non lo so, ma se ti ho detto mi piacerebbe molto questo progetto per me sarebbe la più importante della mia vita artistica, ma a poco a poco stanno diventando le cose con calma e senza correre meglio che vada.
Bene e di dire addio Qualsiasi sogno da realizzare?
Se ho uno sguardo, cantare lacci Solea sua squadra che sarebbe il massimo per me.
Ben più nulla da augurarti buona fortuna, un abbraccio e grazie per questa intervista.
Niente uomo, grazie, un grande prodotto per questo pezzo di flamenco besazo.
FONTE: http://flamenco-en-persona.blogspot.com.es/2010/09/quni-de-jerez-cantaor-entrevista.html
Critica del suo show a JerezJondo
Circondato da un pubblico vivace e scaricare la stella della notte, Joaquín Marín 'El Quini' ha aperto la stagione estiva fiamminga Notti ciclo Estate Città di Jerez con un ampio considerando che ha esibito il meglio del suo repertorio accompagnato da alcuni colleghi e amici, che hanno voluto condividere un momento speciale.
Il Quini, fedele ai suoi principi, ha messo tutto, dal primo momento che non ha lasciato una goccia del suo sforzo fino alla fine, in modo dall'inizio alla fine ha mostrato la sua bussola intrinseca e, soprattutto, una vasta gamma di stili e varianti cante che ha assunto e assimilato dopo molti anni che cantano per la danza. Forse per questo motivo anche, a volte, si è unito il suo modo di interpretare un ritmo un po 'più veloce rispetto al normale, un dettaglio che, nonostante la sua buona montato desmereció spettacolo.
Più nervoso del solito, e fissando, è venuto a giocare un Zambra. Il pianoforte Rosario Montoya 'La Reina Gitana' è stato introdotto, con quella delicatezza e flamencura tiene tra le mani, uno dei pezzi più belli della musica suono. El Quini poteva la tensione a volte, ma è stato in grado di portare a cantare nella sua terra, senza renderlo troppo caracolero, una circostanza che in cui gli artisti spesso cadono se si ascolta il genio di Siviglia, un cantante che si incanta.
Una volta superata la prima bevanda, ha cercato riparo a Malaga, accompagnato dal chitarrista Juan Manuel Moneo impeccabile. Il tempo è stato lucidare la chitarra di questo giovane chitarrista, e così ha chiarito, non solo leader Po cantare la strada giusta, ma correre con maestria falsetas di enorme difficoltà. Mellizo lettera di terminare entro abandolaos, un altro campo in cui si sviluppa liscio come domina i tempi con facilità. Gioie di grande gusto e offrendo un'altra recensione delle arie di Cadice, chiamano romeras o cantine, è stato questo.
Poi tango, questa volta con la chitarra di Manuel Jero. Qui, e molto più tranquilla El Quini, una cantante eminentemente di festa, si stabilì a pieno, giocando una manciata di lettere e stili al suo meglio. Naturalmente ha aiutato, almeno per mettere l'ambiente pubblico, spettacolare chitarra Jerito. Non abbiamo mai visto Manuel con una tale disinvoltura, che il vecchio cavallo imbizzarrito, dove il strumming e alzapúa predominavano nel suo suono è diventato riposato, conoscendo influenza il punto esatto, che tocca la fibra. I suoi falsetas rosa applausi, tanghi e Seguiriyas, normale tra la gente sembrava ormai famosa: 'Vivi la tua stop'.
Il Quini era cavalleresca da ricordare, prima di fare due lettere del Seguiriyas e il maschio, che alcuni attribuiscono al Pianeta, "di Manuel de Barullo, andare per esso", ha detto, di ampio successo. Il clou, però, doveva venire. Sul palco, la stella della notte stava chiamando i suoi compagni di lavoro, Javier Flores, Luis Miguel Moneo e Lavi. I quattro faccia a faccia con il pubblico di essere etichettato un lotto di bulerías al golpe seduto carati. Quattro voci completamente diverse sequestrato i Chiostri. Javier, con quell'aria shrimper, Lavi, con la gola nera e lamentosa, quelli già lì, Luis Moneo che il metallo pulito come hieriente, e El Quini, raccogliendo tutti assistito a un altro display di esperienza. C'erano due turni, tutti di grande abilità, anche se il pubblico, che sa quello che vuole, ha avuto il genio di Luis Miguel Moneo e Lavi di sfacciato.
L'ultimo tocco non ha potuto ottenere altrimenti che con bulerías. Il Quini prese il comando sotto le chitarre ritmiche tapping di Manuel e Juan Manuel ceduto la terra a Gema Moneo, i giovani gesti ballerino ombrello e dettagli della vecchia danza con un temperamento corrente e la tecnica. Ha carisma, e hanno razza e che, come. Il finale è servito a riascoltare gli altri metalli, per visualizzare di nuovo Gema e soprattutto per godere di un altro po 'di arte danza per mano di Manuela Carpio che si alzavano da parte del pubblico per chiedere che ballare Jerez Manuela essa ha il suo posto.
FONTE: http://www.jerezjondo.com/2015/07/17/cante-desde-el-corazon/

restaurant

Festa di Capodanno e Flamenco

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.