Torna alle news
gennaio 10, 2018

Siamo il segreto meglio custodito a Barcellona

Incontro familiare al numero 35 della Rambla. La figlia, María Rosa Pérez Casares (Parigi, 1961), è nata nella capitale francese perché i suoi genitori, chitarrista e ballerino, recitavano lì all'epoca. Il padre, Luis Pérez Adame (Madrid, 1938), preferiva il cognome materno come nome d'arte. La saga gestisce il tablao Cordobés, fondato nel 1970.

gennaio 10
Tablao Flamenco Cordobes

Proprietari del tablao Cordobés, che celebra i 45 anni di flamenco alla fine della Rambla.

 

EL PERIÓDICO
DI OLGA MERINO
LUNEDÌ, 22 GIUGNO 2015
Incontro familiare al numero 35 della Rambla. La figlia, María Rosa Pérez Casares (Parigi, 1961), è nata nella capitale francese perché i suoi genitori, chitarrista e ballerino, recitavano lì all'epoca. Il padre, Luis Pérez Adame (Madrid, 1938), preferiva il cognome materno come nome d'arte. La saga gestisce il tablao Cordobés, fondato nel 1970.

-Luis: Ho fatto la carriera di violino al conservatorio e ho studiato chitarra classica. Sono un musicista che è diventato un tocaore perché dovevo guadagnare soldi.

-María Rosa: Avevano messo Cordobés per il torero ... I miei genitori avevano una compagnia di flamenco che viaggiava per tutta la Spagna, e andarono a Barcellona, ​​dove furono assunti dagli allora proprietari del tablao: Matías Colsada, impresario del teatro di Paral·lel e Joan Gaspart, del gruppo HUSA.

-E la vita errante dell'Artisteo è finita.

-L.: Avevamo già due figli, di 11 e 12 anni, e li avevamo lasciati indietro in molti di quei tour all'estero che erano stati fatti allora, di sei mesi o più. Era giunto il momento, e qui abbiamo bruciato le navi. La scommessa doveva andare bene, sì o sì.

- Grandi artisti sono passati qui.

-M.R .: Quasi tutti; Direi che il 90% di quelli che sono e sono stati qualcosa nel flamenco. Leggende che non sono più con noi, come Camarón de la Isla, Bernarda e Fernanda de Utrera, El Chocolate, Lole e Manuel, Farruco (nonno di bailaor Farruquito) ...

-L.: Ricordo quando ho assunto Farruco per la prima volta; Aveva circa 50 anni e pesava un sacco di chili. Mia moglie, da ballerina, vedendolo così grasso quando si è trasferito nell'hotel accanto, ha temuto il peggio e ha detto: "O è un genio o è un pagliaccio".

-E è risultato un genio.

-L.: Ha riempito il palco con le giacche! Con quelle opere, ero in grado di trasmettere un'emozione molto intensa.

-I nativi frequentano il tablao. È uno spettacolo da guidare?

-M.R .: Il 90% della nostra clientela è straniera. Per i locali, siamo uno dei segreti meglio custoditi a Barcellona. Facciamo parte della storia della città. Negli anni '70 e '80, quando non era ancora una destinazione turistica, spesso avevamo delle limousine alla porta perché eravamo uno dei pochi spettacoli interessanti che si potevano vedere. Eravamo in competizione con la Scala!

- Limousine?

-L.: Salvador Dalí, per esempio. Negli anni '70 avevamo il pavimento tappezzato di rosso, e la prima volta, aprendo la porta, disse: "Questo è come un grande cocomero!". C'erano anche l'attore Keanu Reeves e il pianista Chick Corea.

-Rambla e flamenco suona come plastica.

-M.R.: L'associazione di queste due parole invita l'argomento, sì. E nel nostro caso, è esattamente l'opposto: seguiamo la tradizione dei vecchi caffè cantanti del XIX secolo e delle case vinicole del dopoguerra. Manteniamo un livello artistico molto alto.

-L.: Non puoi neanche parlare del turismo in modo peggiorativo. Molti di loro si avvicinano al flamenco con uno straordinario rispetto, come se fossero circondati da un'aura.

-Ma capiscono cosa vedono?

-L.: Vediamo, sapendo che il flamenco conosce pochissime persone, ma non è necessario goderselo. Viene rilevato immediatamente quando vogliono darti una lepre. Siamo qui da 45 anni perché le persone non sono stupide, né turisti né gente del posto.

-Barcelona era sempre molto flamenco.

-M.R .: L'impronta è stata enorme, e anche adesso artisti molto giovani stanno emergendo molto bene, come il ballerino di Tarragona Belén López, El Yiyo, di Sant Roc, o Karime, nipote di Carmen Amaya, nipote. Per non parlare, nel calcolo, di Miguel Poveda e Mayte Martín.

 

ENLACE: http://www.elperiodico.com/es/noticias/ocio-y-cultura/somos-secreto-mejor-guardado-barcelona-4296092

 

“Translation by Google Translate check the original Text in English”

This post is also available in: Español English Català 简体中文 日本語 Русский Français Deutsch

This post is also available in: Español English Català 简体中文 日本語 Русский Français Deutsch

Si può anche essere interessati

show

Scopri la storia di Tablao Flamenco Cordobes

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.