flamenco

La Chunga ci parla di Carmen Amaya

Trascrizione di un'intervista fatta in Tablao Cordobes.

***

M: Cosa puoi dirci di Carmen?

CH: Beh, ho ballato in un tablao e sono venuti alcuni produttori inglesi e mi hanno detto che mi avrebbero amato andare lì a ballare, in un film con Robert Taylor. La prima cosa che dissi, senza chiedermi del denaro o dei giorni, fu se avrei visto Jhonny (Glen Ford), un americano che colpiva lo schiaffo di Gilda, e mi hanno risposto in inglese, non sapevano una parola in spagnolo .. e hanno risposto "a quel Jhonny", glielo hanno spiegato e me lo hanno promesso, che per prima cosa avremmo visto Glen Ford. Mi portarono in uno studio dove stavo facendo un film aereo, che era ... Con quel vestito blu ... così molto molto chiaro, tutto truccato ... e guarda ... rimasi un'ora a guardarlo. .. Con la mia bocca aperta. È stato pazzesco.

Ero lì per un ballo che mio marito aveva lì, doveva ... e ha annunciato (Robert Taylor) perché stava per separarsi e la donna è venuta, e sono venuti a vedere perché ero una briciola di Robert Taylor .. Poi arriva la donna e lui dice ... Ora La Chunga sta per ballare "in spagnolo, ho avuto un marito che mi ha portato fuori, e ho dovuto baciarlo e ho detto NO. Quindi, ballando, lo colpisco in faccia e continuo a ballare ... e ho detto, sì ... ma non mi bacio.

Dipingo è quello che mi ha scoperto, e quello che ti dico è la verità e dal cuore ... mi ha detto "Se andiamo in Spagna, diranno che è stato un fallimento, che non ci sei riuscito ... "e poi Pinto pensò," chi è qui? E scoprimmo che Carmen Amaya era a New York, e avevamo alcuni biglietti, che se non avessi usato le perdite e in quel momento era una fortuna. abbiamo deciso di perdere i biglietti ma andiamo a New York per vedere Carmen, ma quanto è grande NY come troveremo Carmen in una città così grande? Così abbiamo deciso di andare al Quartiere Latino ... e davvero .. c'era Dio, perché non è normale, e la prima cosa che abbiamo trovato è la compagnia di Carmen Amaya.
"C'è Chunga, qui, Chunga laggiù" - "Ci accompagni a vedere Carmen?"

Carmen Amaya abitava in uno di quegli hotel che hanno cucina, soggiorno e due lettini ... così solo che mi ha visto impazzire, ha cominciato ad abbracciarmi, baci qui, baci laggiù ... le abbiamo detto tutto quello che è successo a noi .. e guarda come era, se era brava come ballerina, come persona era tripla.

Nei due letti, uno di Carmen e l'altro di suo marito, il marito la mandò in soggiorno e lei mi mise con lei a dormire. Stava parlando al Chatau di Madrid che era grandioso, era di gran classe che anche lei stesse ballando, e lei cercava un contratto lì, io lavoravo alla Chateu di Madrid a New York, e poi le chiesi se sapeva di qualcuno chi poteva assumerci, dato che in quel periodo ero con un chitarrista Ramón Gómez che cantava e suonava la chitarra, e io ballavo, eravamo due persone e Pinto.

Carmen disse "Chiamerò il Messico, il Patio" e nel Patio ci ingaggiarono un anno e mezzo per ballare, e quando arrivammo in Spagna perché ero un bambino, Pinto disse "Ora se è ora".

Da lì, era "Chunga, Chunga ..." e ovunque finora ...

“Translation by Google Translate check the original Text in English”

show

Scopri la storia di Tablao Flamenco Cordobes

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.