flamenco

Suoni locali di flamenco

Canzoni e canti locali, alcuni di origine folcloristica, mescolati con il flamenco.

Tablao Flamenco Cordobes

Trileras, Bamberas e Marianas

Trilleras
Le Trilleras sono una varietà flamenca di origine folcloristica. C'erano canzoni su argomenti popolari come lavori rurali. Ci sono simili a "nanas" che mostrano la loro precedenza castigliana. È un canto antico ma il suo personaggio di flamenco è apparso durante il XIX secolo. Le Triller sono state cantate senza chitarra usando solo campane, ricordando le campane usate dalle bestie da tiro nelle aie. È originale del contadino di Castiglia e fu Bernardo el de los Lobitos che diede loro la natura flamenca dell'Andalusia.

Bambera
In uno spettacolo televisivo Rocío Jurado ci regala un delizioso Bamberas. Con facilità ha informato gli spettatori dell'origine di questo canto: il nome bamberas deriva da bamba, altalena. In Andalusia, la domenica e le vacanze, ragazzi e ragazze avevano l'abitudine di andare in campagna. Hanno appeso una fune a un albero e le ragazze hanno oscillato nella corda, aiutata dai ragazzi che causavano il corteggiamento. Sebbene Carlos Almendros non li impicchi nel suo albero genealogico, sono sempre stati inclusi nel mondo del flamenco a causa della forte posizione conquistata grazie alla cantante di flamenco La Niña de los Peines, cantandoli nella bussola dei soleares in un ritmo più veloce . Le bamberas vivaci e sensuali sono state coreografate da Cristina Hoyos nel suo spettacolo Al compás del tiempo, danzato dalle donne Hiniesta Cortés, Carmen Lozano, Manuela Ríos o Susana Casas, con la collaborazione dei chitarristi José Luis Rodriguez, Manuel Pérez e El Juani ; cantato da Rafael Utrera, David Lagos e José Anillo.

Marianne
Mariana è il nome dato in uno dei testi. Gli zingari dicono che hanno chiamato Mariana per gli animali addestrati che danzavano verso il compasso del fornaio come scimmie, capre, orsi, ecc. Questo canto è stato adattato dagli zingari al famoso flamenco. Questo canto è stato rivelato da El Niño de las Marianas, il nome artistico di Luis López (Siviglia, 1889- Madrid 1963) padre del famoso chitarrista Luis Maravillas. Pastora Pavón, La Niña de los Peines, ha dato la sua natura zingara. Il maestro José Otero nel suo Trattato di Danze, pubblicato a Siviglia nel 1912, ci disse che le marianne erano una danza moderna e accettata, così riuscirono all'inizio del XX secolo. Otero disse che il maestro Seguro li mise in ballo e il primo interprete fu La Argentinita.
Tablao Flamenco Cordobes
Tablao Flamenco Cordobes

Petenera, Trileras e Bamberas

Campanilleras
La grande enciclopedia andalusa ci racconta cose bellissime come: i campanilleros legati ai classici canti natalizi erano fiammati delle monache di Utrera nel XIX secolo. Questo fatto può essere corroborato da coloro che hanno ascoltato le suore Carmelitane nella Misa de Gallo attraverso le sbarre del convento di Concepción. Le monache di flamenco sono in paradiso e appartengono al coro dei campanilleros di Manuel Torres che, secondo gli intellettuali, è stato quello a dare a questo canto folcloristico un personaggio di flamenco. Più tardi, La Niña de la Puebla li rese popolari, e anche se questo cantante era eccellente in qualsiasi varietà, specialmente nei fandangos malagueños, in ogni spettacolo piaceva al pubblico con i campanilleros.

Petenera
È un cantare di fatti sinistri eseguiti solo da pochi artisti perché si dice che sia un cattivo incantesimo. Tuttavia, crediamo che La Petenera fosse una donna con una vita dura ma non superstiziosa. Ha idealizzato l'amore e ha scelto la libertà che solo la morte poteva darle. Questo stile era noto alla fine del XIX secolo nella vita enigmatica del cantante e dopo la sua morte; i suoi testi furono lanciati in ogni stabilimento di flamenco. Il personaggio La Petenera ha ispirato diversi coreografi spagnoli.
Sevillana: Cántame. María del Monte.
Sevillanas
È il canto e la danza di Siviglia, le sevillanas provengono dalle seguidillas di La Mancha e Castilla. La loro gioia è stata apprezzata da tutta l'Andalusia e oggi sono famosi in tutto il mondo. Nel XVIII secolo ebbe luogo il boom della danza bolero in Europa, i sevillanas furono liberati dal seguidilla e si unirono al repertorio della scuola bolero. Conserviamo tre bolli sevillanas che per essere ben interpretati devono essere preparati in una scuola di danza. Al giorno d'oggi, ci sono quattro tipi di sevillanas. Non è un ballo facile come sembra, anche se sembra improvvisato e spontaneo ha una struttura e delle regole. Una volta appreso, il ballerino deve dimenticare la tecnica e sentirsi libero di mostrare la propria grazia.

“Translation by Google Translate check the original Text in English”

show

Scopri la storia di Tablao Flamenco Cordobes

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.