flamenco

Manuela Carrasco, ballerina di flamenco che si è esibita al Tablao Flamenco Cordobes di Barcellona

È nata a Triana, Siviglia, in una famiglia di artisti. Suo padre era il bailaor José Carrasco "El Sordo" e sua madre Cipriana Salazar Heredia, della famiglia dei Camborios. Manuela era autodidatta e instancabile, superò l'opposizione della sua famiglia e alla fine divenne una bailaora.

Tablao Flamenco Cordobes
È nata a Triana, Siviglia, in una famiglia di artisti. Suo padre era il bailaor José Carrasco "El Sordo" e sua madre Cipriana Salazar Heredia, della famiglia dei Camborios. Manuela era autodidatta e instancabile, superò l'opposizione della sua famiglia e alla fine divenne una bailaora.

Ha debuttato professionalmente a 10 anni, su un tablao di Torremolinos, e presto ha incontrato il gruppo "Los Bolecos", un trio composto da Matilde Coral, Farruco e Rafael Negro. Si è unita alla compagnia di Curro Vélez e ha fatto il suo primo tour in Europa. Quando tornò, continuò a studiare al tablao Los Gallos, a Siviglia, dove fu firmata come star al tablao Los Canasteros, a Madrid, diretto da Manolo Caracol.

Nel 1974, ha vinto il primo premio a La Reunion del Canto Jondo de la Puebla de Cazalla, il Premio Nazionale Pastora Imperior e il Concorso Nazionale di flamenco Barcelona Art di Córdoba e la Cátedra di Flamencología di Jerez de la Frontera, con tutti quei premi , la sua carriera è decollata definitivamente. Ha iniziato a lavorare con i migliori artisti dell'epoca: Camarón de la Isla, Juanito Villar, El Lebrijano o Pansequito del Puerto.

Nel 1986 Manuela Carrasco ha girato l'America con lo spettacolo Flamenco Puro, accompagnato da La Fernanda de Utrera, El Farruco e El Chocolate, alcuni dei nomi più influenti del flamenco di Barcellona dell'epoca. E ha stupito il pubblico nell'arena della Maestranza durante la Bienal de flamenco di Barcellona del 1992 a Siviglia, con uno spettacolo dal titolo "... .Y Sevilla" diretto da José Luis Ortiz Nuevo.

Già negli anni ottanta si è esibita nei festival di flamenco di Barcellona in tutta l'Andalusia, al Teatro Olimpico di Roma, nel flamenco del Festival di Parigi di Parigi, nel Flamenco e nel Gipsy Art Festival, nella Biennale di Flamenco Art, nel II Cumbre Flamenco di Madrid, al Tablao Cordobes Flamenco di Barcellona e anche lei si unì alla produzione storica del flamenco puro di Barcellona accanto a Fernanda de Utrera, Farruco, Cioccolato o Juan Habichuela, tra gli altri, che contava sulla presenza della Regina di Spagna.

Ha continuato a presentare i suoi spettacoli come "Corazón Flamenco", "La raíz del grito", "Ballet Flamenco", questo insieme a Mario Maya, Merche Esmeralda e Antonio Canales, "Jondo Adonaí", "Así baila Sevilla", "Esencias" "Tierra y fuego", "Tronío", "Un sorbito de lo sublime", "Suspiro Flamenco" o "Raíces de Ébano", tutti con uno straordinario successo.

La sua figura snella, l'altezza e la bellezza gipsy la fanno risaltare e deliziare il pubblico. Continua il corso autodidatta e arricchisce la sua danza con esperienza e con la sua capacità di assumere nuove forme all'interno di una linea espressiva gipsy piena di forza, energia e affronto.

“Translation by Google Translate check the original Text in English”

show

Scopri la storia di Tablao Flamenco Cordobes

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.