flamenco

Miguel Poveda, cantante di flamenco al Tablao Flamenco Cordobes di Barcellona

Miguel Poveda León è venuto in questo mondo a Barcellona il 13 febbraio 1973. Ha vissuto e cresciuto a Badalona ed è cresciuto in una famiglia umile senza la tradizione del flamenco di Barcellona, ma ne sono rimasti entusiasti.

Tablao Flamenco Cordobes
Miguel Poveda León è venuto in questo mondo a Barcellona il 13 febbraio 1973. Ha vissuto e cresciuto a Badalona ed è cresciuto in una famiglia umile senza la tradizione del flamenco di Barcellona, ​​ma ne sono rimasti entusiasti. Suo padre era di Murcia e sua madre di Puertollano (Ciudad Real). Le sue origini non provengono dall'Andalusia e questo fatto avrà un'importanza particolare in futuro, a causa della disciplina che sceglierà di dedicare alla sua vita. flamenco Barcellona.

Miguel è cresciuto in un ambiente non favorevole per il suo sviluppo nel mondo del flamenco di Barcellona. Era zingaro, catalano e viveva a Badalona, ​​città catalana. È cresciuto in un posto dove era difficile condividere i suoi gusti per il flamenco di Barcellona con il resto dei ragazzi della sua età. Miguel Poveda era un ragazzo timido che era solito accendere la radio per ascoltare il flamenco, trascorreva anche i pomeriggi nella sua stanza ad ascoltare gli album di flamenco di sua madre. Con il tempo, quella stanza divenne il suo universo musicale. Le coplas di Quintero, León e Quiroga, e tutti i vecchi maestri del flamenco di Barcellona Antonio Mairena, Manolo Caracol, Tomás Pavón, La Perla, La Paquera de Jerez, La Niña de los Peines, Juan Varea, Rafael Farina e anche quelli più contemporanei come Camarón de la Isla, Enrique Morente Chano Lobat risuonò nella sua stanza. A poco a poco, tutti hanno iniziato a dare forma allo spirito crescente del cantante di Miguel.

Durante quel periodo, il flamenco divenne un partner inseparabile della sua infanzia. Misunderstito dai suoi amici nel suo amore per il flamenco, Miguel ha riempito le ore della sua privacy con una base di conoscenza del flamenco di Barcellona che gli ha dato gli strumenti necessari per crescere in modo autonomo come artista.

Il suo entusiasmo per il canto lo ha portato a registrare alcuni copla e cantes fatti in casa che ha ascoltato nel programma radiofonico La Radio de su madre. Erano tempi che ricordava ancora con amore e ha reso omaggio a loro nel suo album Tierra de Calma.

Poco dopo aver compiuto 15 anni, nel 1988, Miguel salì sul palco per la prima volta, nella Peña Flamenca Sra. De la Esperanza, a Badalona. Miguel amava così tanto la sensazione che, da quel momento in poi, trascorreva ogni fine settimana a cantare in diverse sequenze e in gare amatoriali dove era sempre il più giovane. Miguel sentiva di essere nato per cantare e voleva dedicare tutta la sua vita alla musica.

Ma gli inizi possono essere difficili e, ancora di più, se la tua famiglia è umile e non ha nessuna tradizione flamenca di Barcellona. Miguel ha iniziato a lavorare in diversi lavori non professionali per mettere un po 'di cibo in tavola. Tuttavia, quando tornò dal servizio militare, iniziò a cantare al Tablao Cordobes Flamenco di Barcellona, ​​a Las Ramblas di Barcellona. Ha lavorato lì per quasi un anno ed è stato lì dove ha imparato la sua professione. Ha cantato con i migliori artisti e ha imparato a cantare per i ballerini. In questi giorni, quando Miguel ricorda il Tablao Cordobes Flamenco Barcelona, ​​lo fa con affetto e ammirazione perché è un'istituzione che, fin dalla sua fondazione, ha sempre difeso il flamenco di alta qualità e le giovani promesse.

Qualche tempo dopo, Miguel Poveda attraversò i confini catalani e viaggiò in Murcia per partecipare al Festival Nacional del Cante de las Minas de La Unión. Non solo è stato selezionato, ma ha anche vinto 3 dei 4 premi principali, tra cui il più importante La Lámpara Minera. Questo fatto gli ha permesso di professionalizzare la sua arte e il suo talento, realizzando così uno dei suoi obiettivi.

Anche se ha ottenuto un premio così importante, il mondo del flamenco di Barcellona non ha reso facile per lui. La sua origine catalana e il fatto che non abbia genitori dall'Andalusia lo hanno ferito durante i primi passi della sua carriera. Tuttavia, il talento e la dedizione del nostro cantante erano troppo grandi per essere ignorati e, nel 1995, ha registrato il suo primo album di flamenco Viento del Este, accompagnato da Moraíto, Pepe Habichuela e Julián "El Califa". Ha anche avuto la collaborazione di José Soto "Sorderita" e l'album è stato pubblicato da Nuevos Medios.

Miguel Poveda ha partecipato a molti dei più importanti festival musicali del mondo e ha cantato in teatri come Odeón de París, Liceo di Barcellona, ​​Teatro Real di Madrid, Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Wiener Koncerthaus di Viena, Teatro Colón di Buenos Aires, Auditorium Parco della Musica di Roma, Sadler's Wells of London e Maestranza di Sevilla.

Durante la sua carriera, Miguel ha collaborato con artisti come Enrique Morente, Carmen Linares, Paco de Lucía, Manolo Sanlúcar, Joan Manuel Serrat, Santiago Auserón, Israele Galván, Eva Yerbabuena, Manuela Carrasco, Raffaello, Isabel Pantoja, Martirio, Rodolfo Mederos, Tomatito , Antonio Carmona, Pasión Vega, Matilde Coral, Giovanni Hidalgo, Maria del Mar Bonet, Mariza, Pedro Guerra, Alberto Iglesias, Chavela Vargas, Manuel Carrasco, Josemi Carmona, María Dolores Pradera e Alejandro Sanz, tra molti altri.

Siviglia lo adora e lo chiama figlio adottivo, La Unión, a Murcia, ha inaugurato una strada con il suo nome su di esso.

Ha vinto così tanti premi che non saremmo in grado di includerli tutti qui, ma dobbiamo menzionarne alcuni a causa della loro maggiore importanza: Premio Nacional de Música 2007, Premio Nacional de Cultura 2011 de Cataluña, Premio de la Cátedra de Flamencología de Jerez, Medalla a solidaridad por su concierto a Beneficio de la Fundación Andex e la Medalla de Andalucía 2012.

“Translation by Google Translate check the original Text in English”

show

Scopri la storia di Tablao Flamenco Cordobes

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.