flamenco

Tablao Flamenco Cordobes presenta lo spettacolo Cadice … “Salada Claridad”

Tablao Flamenco Cordobes Barcelona, lo storico tablao di Las Ramblas, presenta "Cádiz ..." Salada Claridad "il 16 febbraio, uno spettacolo originale dedicato alla città di Cadice nel suo mese di carnevali, interpretato da famosi artisti di Cadice.

Tablao Flamenco Cordobes Barcelona, ​​lo storico tablao di Las Ramblas, presenta "Cádiz ..." Salada Claridad "il 16 febbraio, uno spettacolo originale dedicato alla città di Cadice nel suo mese di carnevali, interpretato da famosi artisti di Cadice.

Le cantilene e le danze del flamenco e i suoni della baia saranno rappresentati sui tavoli di Cordobes da un cast di autentico lusso: David Palomar, Anabel Rivero, Marcos Flores, Rosario Toledo e Jesús Fernández.

Un tributo di ammirazione per la città che ha eternato per il flamenco le cantes di Macande, El Mellizo, El Guante o La Perla e un'eccezionale opportunità per godersi il miglior flamenco di Cadice. Dal 16 al 26 febbraio e dal 15 al 29 marzo, in Tablao Flamenco Cordobes.


David Palomar
David Palomar è un cantaut di riconosciuto prestigio e illustre rappresentante del flamenco di Cadice. Il suo debutto professionale è iniziato con il gruppo "Levantito" come cantante e produttore.

Nel 1998, come cantante, ha presentato in anteprima la mostra "Sólo por arte" alla Biennale di Siviglia e con la compagnia di Javier Barón.

Dopo questo, David ha continuato a lavorare con diverse compagnie come Carmen Cortés. Accanto a lei, ha debuttato lo spettacolo degli artisti giapponesi Shoji Kojima e Yoko Gomatsubara "Soleá, un figlio enterno", in tournée in Giappone. Con la compagnia di Javier Peña ha rappresentato come cantante lo spettacolo "Flamenco in concerto" che lo ha portato in tournée in Australia e negli Stati Uniti. L'ultima delle società con cui ha lavorato durante questa fase è stata Javier Latorre, rappresentata dallo spettacolo "El nombre de la rosa" e "Ambivalencia".

Le sue prime esibizioni soliste iniziano nel 2007, in anteprima il suo spettacolo "Cadice", prodotto dall'Agenzia andalusa per lo sviluppo del Flamenco, che condivide il palco con Mariana Cornejo e Carmen de la Jara. L'anno seguente si esibisce in numerose occasioni con l'Orquestra Manuel de Falla de Cádiz, diretta da José Luis López Aranda, eseguendo canzoni popolari di Lorca. Partecipa anche alla prima dello spettacolo "Flamenco Hoy" di Carlos Saura e alla XVI Biennale di Flamenco di Siviglia. Nella Central Milk Room di Cadice ha tenuto i suoi primi recital di canta solista: "Palomar, el cante".

Un anno dopo, nel 2008, David ha pubblicato il suo primo album "Trimilenaria", al quale il web specializzato deflamenco.com assegna il miglior album di debutto. Con l'esperienza acquisita e ancora più desiderio di andare avanti, ci vorrebbero solo altri due anni per presentare il suo secondo album "La Viña: Cantón independiente." Nel 2012 ha pubblicato il suo terzo album, presentato durante le celebrazioni del Bicentenario del Costituzione spagnola tenutasi a Cadice al Gran Teatro Falla, un album tributo alla vita e all'opera del grande Chavela Vargas intitolato "La Dama del Poncho Rojo". Grazie al tour di presentazione di questo album, lo ha presentato su palcoscenici come il Quintero Theatre di Siviglia o di fronte a più di dodicimila persone al Festival Cosquín in Argentina, trasmesso in televisione attraverso la National Television Network. Presenta anche l'album in La Noche Blanca del Flamenco a Córdoba, la Biennale in Olanda, la Nimes Festival, il Festival di Flamenco a Mont-de-Marsan, la Biennale di Siviglia e il XIV Festival di Jerez, tra gli altri.

Siamo arrivati ​​nel 2013, anno in cui David si reca a Montevideo per eseguire il suo spettacolo "Gaditanía" con pieno in Sala Verdi per due giorni consecutivi ed è in tournée in tutta l'Argentina e compare nel programma "Flamenco para tus Ojos" sul canale 2 spagnolo, presentato dal famoso cantaut Diego "El Cigala" in riconoscimento del suo lavoro di rappresentante delle cantilene di Cadice. Nel 2015 ha pubblicato l'album "Denominación de Origen", nel quale si approfondisce e persevera nella difesa e nel recupero della scuola di canto flamenco di Cadice e della sua idiosincrasia. Presentato al XIX Festival di Flamenco di Jerez, ha ricevuto grandi critiche in uno degli scenari più impegnativi e lo ha portato a esibirsi di nuovo al Gran Teatro Falla di Cadice e al Teatro Echegaray di Malaga. Già nel 2016, continua a girare con la presentazione del suo ultimo album su palcoscenici come l'Auditorium Nazionale di Madrid, il Festival di Lussemburgo e il Teatro Lope de Vega, nell'ambito della XIX Biennale di Siviglia.



Marcos Flores

Nato a Cadice, la sua esperienza professionale inizia in tablao e festival andalusi. Nel 2001 è entrato a far parte della compagnia Sara Baras e Rafael Amargo. Nel 2003 ha iniziato i suoi progetti solisti e ha creato la compagnia di danza ESS3 Movimiento insieme a Olga Pericet, Daniel Doña e Manuel Liñán.
Come solista balla al Flamenco Festival di Lepe, al Festival Internazionale di Musica e Danza di Granada e partecipa al Gala del 50 ° Anniversario del Corral de la Morería.
Nel 2007 ha creato "En Clave" con Manuel Liñán e Olga Pericet e ha partecipato al Flamenco Festival di New York e Londra, con ottime recensioni.


Rosario Toledo
Diplomato in Danza Spagnola presso il Conservatorio Superiore di Danza di Siviglia, durante le sue origini fa parte della Compagnia di Manuela Carrasco e Antonio El Pipa.
Poco dopo, ha aggiunto la sua attività in rinomati tablao come "El Cordobés" a Barcellona o "Los Gallos" a Siviglia. Collabora inoltre a spettacoli con artisti come Javier Latorre, Javier Barón, Antonio Canales, Israel Galván e Miguel Poveda, tra gli altri. Inoltre, lavora come solista con Mario Maya nel suo spettacolo 'De Cádiz a Cuba, la mar de Flamenco. Dopo l'esperienza acquisita, decide di sviluppare progetti con la sua stessa compagnia, riscuotendo un enorme successo da parte della critica e del pubblico e diventando un ballerino essenziale nell'attuale scena del flamenco.

Jesús Fernández
Nato a Cadice, a soli 16 anni, ottiene il Premio Nazionale Flamenco di Estepona (Málaga).
Ha iniziato la sua carriera professionale esibendosi in numerosi club di flamenco e tablao a Madrid. Nel 2009, ha presentato il suo primo spettacolo "Ataduras", presentato in anteprima a Londra e portato in tour attraverso i principali teatri di Spagna e Italia.
È invitato a partecipare all'opera Medea e ottiene il Premio per le arti dello spettacolo dai Paesi Bassi. Nel 2010, El Desplante si distingue durante il 50 ° anniversario del prestigioso Festival Internazionale di Cante de las Minas.

Il Quini de Jerez

Joaquín Marín Flores, artisticamente noto come "El Quini de Jerez", è nato a Jerez, nel quartiere di La Plazuela, nel 1980, nella famiglia gypsy dei los Pastillas. A soli 12 anni, ha iniziato la sua carriera come palmero accompagnando la ballerina Manuela Carpio fino all'età di 15 anni, quando è entrato in compagnia di Antonio El Pipa. Nel corso della sua carriera ha lavorato con molti artisti importanti, come Tomasa Guerrero "La Macanita", Fernando Terremoto, Elu de Jerez o Merchora Ortega, tra gli altri. Già a 20 anni, maturo come cantante, decide di avventurarsi in fretta e di lasciare il palcoscenico come un palmero. A Lagar de Parrilla, uno dei luoghi più emblematici di Jerez inizia come cantante e iniziano le loro esibizioni in club, concorsi e festival, vincendo il primo premio del Concorso di Cantes di Bulería de Jerez un anno dopo. Dopo il suo successo è entrato a far parte della compagnia di Antonio Gades, viaggiando per il tour mondiale dopo tour: Stati Uniti, Francia, Londra, California, Marocco o Brasile sono stati alcune delle loro destinazioni.



Anabel Rivera

Nata nel quartiere di Mentidero (Cadice), è una cantaora con una lunga carriera da professionista alle spalle. Vincitore del secondo premio del Concorso Nazionale di Alegrías, del secondo premio del Concorso di Tientos de Cádiz e del secondo premio al Cante por Bulerías a San Fernando, Cadice. Si è esibito in festival e teatri di tutto il mondo con grandi artisti, come Niña Pastori, El Barrio, Pilar Ogalla, Javier LaTorre o India Martínez, tra gli altri. Anabel Rivera si è esibita in tutti i tipi di festival: New York Flamenco Festival, Munich Flamenco Festival, Monterrey Flamenco Festival, Instituto Cervantes Festival a Bucarest, Festival Instituto Cervantes a Parigi, Festival de Luxemburgo, Festival Catalunya Arte Flamenco, La Suma Flamenca de Madrid, Potaje Utrera, Gazpacho de Morón, Notte bianca del Flamenco di Córdoba, Siviglia Biennale, Flamenco Festival di Jerez e Jueves Flamencos de Cádiz sono i più importanti in cui si è esibito. Anabel Rivera collabora attualmente con le compagnie del cantaor David Palomar e con la cantaora Marina Heredia e la pianista Dorantes, oltre che con il Tablao Flamenco Cordobes di Barcellona.



Miriam Vallejo

Miriam Vallejo ha iniziato la sua carriera come bailaora all'età di 9 anni e fino al 2001 ha tenuto diversi seminari con ballerini come Eva "La Yerbabuena", Matilde Coral, Antonio "El Pipa", Belén Maya, Rafael de Carmen e Javier Latorre. Allo stesso tempo, ha iniziato la sua carriera come cantaora lavorando a tablaos Los Tarantos, El Cordobés e El tablao de Carmen. Nel 2001 decide di dare una svolta alla sua carriera artistica e dedicarsi esclusivamente al canto di flamenco. È stata la cantante dello spettacolo "Torero" di Juan de Juan, coreografato da Antonio Canales al Teatro Apolo di Barcellona. Questo cantaora si è esibito al Forum delle Culture del 2004 con "Fiesta Gitana" ed è stato il cantante ufficiale dello spettacolo "Carmen Amaya", diretto da Eva Santiago. Ha lavorato nelle ultime due edizioni del Begur Music Festival e del Carmen Amaya Festival, oltre che nel Tribute to Diego Pantoja. Ha anche collaborato come corista nell'album "Mi forma de vivir" di Duquende e nell'album "Techarí" di Ojos de Brujo.

David Cerreduela

David, noto chitarrista di Caño Roto, uno dei presepi della chitarra flamenca di Madrid, è il figlio del famoso chitarrista El Nani e nipote di un costruttore di chitarre, il che spiega la sua precocità sul palco. A 14 anni iniziò la sua carriera professionale accompagnando nientemeno che Lola Flores e Merche Esmeralda. Successivamente fa parte della compagnia Antonio Canales nelle opere di Torero o Gitano, un'opera di cui è autore di gran parte della sua musica, oltre ad accompagnare l'azienda nelle serie Cuerda y Tacón e Bernarda Alba. Successivamente lavora con Juan de Juan nell'opera Pueblos, essendo l'autore della parte musicale dell'opera.

Tra l'altro ha recitato in canestro Guadiana, Ramón El Portugués, El Yunque e una lunga eccetera. Ha anche collaborato a molte registrazioni, come Enrique Heredia El Negri, dal titolo El último beso, Guadiana, Los Chorbos, ecc.

Oltre a suonare per i più noti artisti di flamenco, è stato per anni un accompagnatore di Enrique Morente, ed essendo stato chitarrista per il National Ballet of Spain, ha anche collaborato con importanti cantanti come Diego El Cigala, Manolo Tena , Guadiana e Antonio Carmona. La chitarra di David Cererduela, che è un pezzo fondamentale nel manifesto del tablao El Cordobes de Barcelona.

Javier Patino

Nato a Jerez, inizia la chitarra da flamenco con José Luis Balao e Manuel Lozano "El Carbonero", e amplia la sua formazione con Manolo Sanlúcar e Gerardo Núñez. È uno specialista in accompagnamento per la danza e ha fatto tournée in tutto il mondo con artisti come Joaquín Grilo, Carmen Cortés, Beatriz Martín, Manuela Carrasco e José Antonio, tra gli altri. Per quanto riguarda i cantaores, in tutta la sua biografia ha coinciso con personaggi come José Mercé, Esperanza Fernández e Segundo Falcón.

Dal suo lato compositivo, interpretativo e musicale, possiamo sottolineare che ha collaborato agli spettacoli del bailaor Javier Barón "Dime", "Footnotes" "Iron dance", "Bronze dance", "Meridiana", e ha composto e ha eseguito la direzione musicale dello spettacolo "A fuego lento" di Andrés Peña. Nel 2008 ha partecipato alla mostra collettiva "De la mar al fuego", coprodotta dal Festival del Flamenco di Mont-de-Marsan e dalla Biennale del Flamenco di Siviglia, che accompagna Luis el Zambo. Un anno dopo partecipa agli spettacoli "Due voci per un ballo" di Javier Barón e "Flamenco è scritto con Jota" di Miguel Ángel Berna, Úrsula López e Rafael Campallo. La sua prima opera solista, intitolata "Media VIda", è stata presentata durante il Festival de Flamenco de Jerez 2009, prodotto da Tino di Geraldo. Attualmente sta componendo e collaborando con ballerini della statura di Belén Maya con "Danze per persone tristi" Ángel Muñoz "Ángel" e Olga Pericet "Rosa metallo e cenere" e ha partecipato all'album di Cantaor Miguel Ortega "A look back" . Nel 2011 ha preso la decisione di scommettere sulla sua carriera da solista e, insieme all'Instituto Cervantes, ha girato il Brasile e visitato città come Bello Horizonte, Brasilia, Salvador de Bahia e Rio de Janeiro. Nel 2012 si è esibito anche al festival jazz di Copenaghen.



Juan José Alba
Chitarrista flamenco nato a Cadice, ha iniziato la sua carriera artistica in tenera età e non si è fermato fino a quando non ha avuto modo di lavorare regolarmente con grandi personaggi del flamenco come Antonio El Pipa, Argentina, Mariana Cornejo, Joana Jiménez, David Palomar e Eduardo Guerrero, con che ha esibito in numerosi festival e teatri in Spagna e in gran parte del mondo. Come compositore ha firmato la musica di diversi spettacoli, oltre ad essere un insegnante in educazione musicale e una laurea in storia e scienze della musica.


Tablao Flamenco Cordobes Barcelona, ​​lo storico tablao di Las Ramblas, presenta "Cádiz ..." Salada Claridad "il 16 febbraio, uno spettacolo originale dedicato alla città di Cadice nel suo mese di carnevali, interpretato da famosi artisti di Cadice.

Le cantilene e le danze del flamenco e i suoni della baia saranno rappresentati sui tavoli di Cordobes da un cast di autentico lusso: David Palomar, Anabel Rivero, Marcos Flores, Rosario Toledo e Jesús Fernández.

Un tributo di ammirazione per la città che ha eternato per il flamenco le cantes di Macande, El Mellizo, El Guante o La Perla e un'eccezionale opportunità per godersi il miglior flamenco di Cadice. Dal 16 al 26 febbraio e dal 15 al 29 marzo, in Tablao Flamenco Cordobes.

“Translation by Google Translate check the original Text in English”

show

Scopri la storia di Tablao Flamenco Cordobes

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.