Torna agli Artisti

flamenco Ballerino

Karime Amaya

Porta sicuramente la sua eredità nella sangue. Debutta con 9 anni in compagnia dei suoi genitori, la ballerina Mercedes Amaya La Winy e il chitarrista Santiago Aguilar, con cui ha iniziato la sua carriera all'età di 12 anni e che continua a ballare.

NOME: Karime Amaya



LUOGO DI NASCITA: Mexico, 1985



FAMIGLIA: Los Amaya



STUDI: E 'stata educata con la danza sfrenata di sua madre, e nell'Accademia che Mercedes Amaya ha in Messico DF.



PERCORSO: Karime Amaya è pronipote della grande e venerata danzatrice universale di tutti i tempi, Carmen Amaya.



Porta sicuramente la sua eredità nella sangue. Debutta con 9 anni in compagnia dei suoi genitori, la ballerina Mercedes Amaya La Winy e il chitarrista Santiago Aguilar, con cui ha iniziato la sua carriera all'età di 12 anni e che continua a ballare.



Ha partecipato a quattro edizioni del prestigioso Festival Internazionale di Flamenco a Albuquerque New Mexico.



Nel 2003, si ha presentato nel Arts Presenters 46th anual members conference, di New York e nel 2004 ha condotto una stagione di sei mesi nel più prestigioso tablao di Tokyo, El Flamenco.



Nel 2004 ha partecipato come artista ospite nello spettacolo Bailaor di Antonio Canales, a Palma de Mallorca che è stato presentato nei più importanti locali di flamenco di Madrid.



Nel 2005 torna a Spagna e agisce come artista ospite con il primo ballerino Antonio Canales nello spettacolo Bailaor a Palma de Mallorca. Nello stesso anno collabora con Los Losada nel Festival Flamenco Quito 2005 a Ecuador. Partecipa anche al Festival Internazionale, New Mexico, USA, 2005 e fa stagione in tre dei più importanti tablaos di flamenco di Madrid, Casa Patas, Las Carboneras e Cardamomo.



Nel 2006, ha fatto un giro con il ballerino Juan de Juan come artista ospite, insieme a Ana Salazar, nello spettacolo Frente a Frente, ballando in più di 30 città in tutta Spagna come Madrid, Barcellona, Siviglia e Granada.



Nello stesso anno, è stata invitata al Festival Arte Flamenco di Mont-de-Marsan, in Francia, dove ha condiviso il palco con Gerardo Núñez e ha firmato con la compagnia di Mario Maya, con Antonio El Pipa e la famiglia Farruco, tra altri.



Nel 2007, inizia un tour di presentazioni per le principali città del Giappone.



Nel 2008, balla nel 10 ° Flamenco Festival Monterrey.



Nel corso del 2009, lavora come artista ospite con il ballerino Antonio Canales e il chitarrista Enrique de Melchor.



Nel 2011 debutta con la sua famiglia lo spettacolo Amaya Linaje che è un omaggio a tutti i membri della famiglia Amaya.



Tra il 2011 e il 2012, ha partecipato come attrice protagonista nelle riprese del documentario Bajari di Eva Vila, giornalista, regista e sceneggiatore della Universitat Pompeu Fabra.



Nel 2012 presenta il suo spettacolo Desde la Orilla al Festival de Jerez, facendo riferimento alle notti trascorse in una spiaggia sull'altro lato dello stagno sognando con Somorrostro e ispirandosi come Carmen Amaya nelle onde del mare.



In quello stesso anno si presenta in Costa Rica Abolengo di Farruquito, che balla come artista ospite, e con cui farà un tour fino all'inizio del 2013, e partecipa allo spettacolo di Joaquín Cortes Dicen me.



Nel 2013 interviene con Pastora Galván e Paloma Fantova, come ballerine principale (le tre) nello spettacolo omaggio a Carmen Amaya, Con Carmen Amaya nella Memoria, prodotta dalla Fondazione Tablao Cordobes e l'Accademia delle Arti e delle Scienze del Flamenco, ballando per Europa e le capitale di Spagna.



FESTIVAL: Festival Internazionale di Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti d'America, condividendo il palco con Farruquito, Maria Pagés e Israel Galván nel 2002 e nelle edizioni di 2003, 2004, 2005, 2006. Festival Flamenco Quito 2005 Festival Arte Flamenco di Mont-de-Marsan, Francia (2007), 10 ° Festival Flamenco di Monterrey (2008), Festival de Jerez (2012).

restaurant

Degustazione gastronomica e servizio di degustazione di tapas

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.