spettacolo di flamenco

Continuando il Pinnacolo della Danza Flamenca

A partire dal 1 ottobre fino a 31 ottobre

Biglietti
Torna a spettacoli

Durante il mese di ottobre Tablao Flamenco Cordobes continuerà a presentare i più importanti artisti del flamenco attuale con Alfonso Losa (1 a 4, 7 a 21), Karime Amaya (1 a 3, 5 a 8, 9 a 24, 26 a 31), Águeda Saavedra (1 a 3, 5 a 6), Saray “La Pitita” (7 a 21), Paloma Fantova (22 a 24, 26 a 31). “Continuando il Pinnacolo della Danza Flamenca” sarà presentato allo storico tablao delle Ramblas di Barcellona e vedrà anche la presenza della cantante di flamenco Davinia Jaén, dei cantanti di flamenco “El Coco”, Antonio Fernández, Luis El Granaíno e Bocaíllo, oltre ai chitarristi David Cerreduela, Tuto ed Eugenio Santiago.

 

Ballerini

 

Alfonso Losa (1-4 ottobre, 7-21 ottobre)

 

Ha iniziato la sua formazione con Rafael de Córdoba, ha studiato danza spagnola e flamenco presso il Royal Professional Dance Conservatory di Madrid con il riconoscimento “cum laude”. Subito dopo si è specializzato nella danza flamenco con i maestri Manolete, María Magdalena, Antonio Reyes, Juan Ramírez, Antonio Canales, La China e Javier Latorre. Si è esibito come artista ospite o come solista nelle più grandi compagnie di flamenco come Manuela Carrasco, El Güito, Manolete, Tomatito, Enrique Morente, Gerardo Núñez, La Susi, Enrique de Melchor, ecc.

 

Paloma Fantova (22-24 ottobre, 26-31 ottobre)

 

Paloma Fantova è una ballerina di flamenco nata a Cadice che ha iniziato a ballare molto presto. A quattro anni ha iniziato a sentirsi flamenco e a otto anni ha vinto il concorso per talenti TVE “Premios Veo Veo Veo Veo”. Paloma Fantova ha partecipato alle coreografie di Manuela Carrasco in Giappone e ha girato teatri di tutto il mondo come New York, Washington, Parigi, Londra o Il Cairo. Nel 2011 ha partecipato allo spettacolo “Calé” di Joaquín Cortes e nel 2012 alterna la sua presenza al Tablao Flamenco Cordobes di Barcellona con la presentazione del suo spettacolo “Sensibilidades”. La bailaora ha partecipato anche alle opere di Tomatito e alla mostra in omaggio alla grande bailaora Carmen Amaya, prodotta da Tablao Flamenco Cordobi, insieme a Karime Amaya e Pastora Galván. Nel gennaio 2019, Paloma Fantova ha presentato il suo nuovo spettacolo al Festival di Jerez: CUNA. 

 

Karime Amaya (dal 1° al 3 ottobre, dal 5 all’8, dal 9 al 24, dal 26 al 31 ottobre)

 

Karime Amaya, membro della famiglia Amaya, è la nipote di Carmen Amaya, La Capitana, la ballerina più famosa di tutti i tempi. La bailaora ha debuttato all’età di nove anni e, da allora, la sua carriera artistica è cresciuta, esibendosi in festival e teatri di tutto il mondo come Stati Uniti, Giappone, Messico, Francia o nei più importanti festival di flamenco in Spagna, tra molti altri luoghi. Inoltre, lo scorso novembre 2018 Karime Amaya ha presentato in anteprima il suo spettacolo al SAT Teatre de Barcelona: La Fuente. 

 

Águeda Saavedra (dal 1° al 3 ottobre, dal 5 al 6 ottobre)

 

La bailaora Águeda Saavedra è nata a Malaga e ha iniziato i suoi studi all’età di 7 anni nel conservatorio di quella città. All’età di 15 anni entra nel Conservatorio di Danza di Madrid e cresce con maestri come “Betty”, Cristina Visús, Currillo o Rocío Espada tra gli altri. Águeda Saavedra ha vinto il primo premio al Concorso di Danza della Città di Ribarroja del Turio nel 2009 e 2010 e ottiene una borsa di studio dalla compagnia di danza di Antonio Najarro.  La bailaora ha viaggiato con la sua danza flamenco in paesi di tutto il mondo, come gli Stati Uniti, l’Inghilterra e l’Italia. Ha lavorato anche con grandi artisti come Jesús Carmona, con il quale ha visitato i palchi in Cina e Dubai, tra gli altri, con lo spettacolo IMPETUS. L’artista ha appena partecipato anche alla serie ‘Arde Madrid’, che copre la vita di Ava Gardner.

 

Saray “La Pitita” (7-21 ottobre)

 

Saray Fernández, conosciuto come Saray La Pitita, è nato a Granada nel 1988. Appartiene ad una famiglia di artisti di flamenco ed è figlia del chitarrista José Fernández. Ha iniziato a ballare all’età di 16 anni e ha iniziato ad allenarsi con grandi artisti di flamenco e a 18 anni ha iniziato a ballare in tablaos flamenco. Poco dopo si è trasferita a Madrid, dove Joaquín Cortes l’ha incontrata e ha deciso di assumerla per la sua compagnia come uno dei primi ballerini della sua compagnia, con cui ha viaggiato in tutto il mondo. Inoltre, Saray La Pitita ha lavorato con grandi artisti come Farru, Josemi Carmona, Jorge Pardo e Rubén Dantas.

 

 

 

 

 

 

This post is also available in: Español English Català 简体中文 日本語 Русский Français Deutsch 한국어

Artisti

Chitarristi

 

 

David Cerreduela

 

Figlio del famoso chitarrista “El Nani”, ha suonato per i più famosi artisti di flamenco, è stato chitarrista del Balletto Nazionale di Spagna e ha collaborato in numerosi album. Attualmente sta lavorando con il Tablao Flamenco Flamenco Cordobes Barcelona. A 14 anni ha iniziato la sua carriera professionale accompagnando non meno di Lola Flores e Merche Esmeralda. In seguito si è unito alla compagnia di Antonio Canales nelle opere di Torero o Gitano. 

 

 

Tuto

 

Giovane chitarrista nato a Barcellona nel seno di una famiglia di artisti di flamenco, ha iniziato la sua carriera all’età di 14 anni. Ha suonato per personaggi eccezionali come Montse Cortés o Farruquito e la sua carriera sembra inarrestabile.

 

 

Eugenio Santiago 

 

Chitarrista versatile, è uno dei più promettenti giovani chitarristi flamenco di Barcellona. Eugenio Santiago è già stato premiato con diversi riconoscimenti, tra i quali ricordiamo il primo premio del Certamen Internacional de Hospitalet e anche il primo premio per il miglior accompagnamento vocale di Bulerías. Eugenio Santiago ha condiviso il palco con grandi artisti di flamenco come Farru, Juan de Juan, Belén López, Morenito de Illora, Joselillo Romero o Simón Roma e molti altri. 

 

 

 

Cantanti

 

La Fabi (da 1 a 3, da 5 a 6)

Fabiola Pérez Rodríguez è nata ad Arcos de la Frontera (Cadice). Ha studiato alla Fondazione Cristina Heeren con José de la Tomasa, Paco Taranto ed Esperanza Fernández. Questa grande cantaora ha cantato per grandi figure della danza ed è sviluppata alla perfezione nelle cantes de compás. Oltre a esibirsi con la compagnia di Cristina Hoyos, si è esibita in quasi tutti i tablao spagnoli e ha cantato in festival e teatri di tutto il mondo. Nel 2018 La Fabi pubblica il suo album “Fruto y Flores”.

 

Davinia Jaén (da 7 a 24, da 26 a 31)

Ha iniziato la sua carriera all’età di 14 anni a Jerez, si è esibita in molti gruppi di tablos e flamenco della città e ha imparato da Juan Parrilla nel tablao El Lagar de tío Parrilla. Successivamente si trasferisce a Siviglia dove ha avuto l’onore di apprendere e continuare a crescere come artista insieme a José de la Tomasa, Paco Taranto, Jeromo Segura, Laura Vital, José Galván, Carmen Ledesma e molti altri.

 

Antonio Fernández (22 a 24, 26 a 31)

 

 

Juan Manzano “El Coco” (Il cocco)

Nato a San Roc, è probabilmente una delle voci più flamenco di Barcellona. Autentica e con il flamenco nel suo DNA. Ha anche una voce prodigiosa, capace di cantare con temperamento, ricca di ricordi evocativi e di una naturalezza traboccante. Juan è un’istituzione di flamenco a Barcellona e non smette mai di sorprenderci anno dopo anno.

 

 

 

Antonio Campos “Bocaillo”.

Questo cantaor catalano del quartiere di Bon Pastor è circondato dal flamenco da quando suo nonno era cugino di Porrina. Si è formato come cantautore professionista nel Tablao Flamenco Cordobés lavorando con grandi artisti come Karime Amay, la Susi, Pastora Galván, Manuel Tañé o Antonio Vilar.

 

 

 

Luis “El Granaino”

Nato in una famiglia di artisti granadini, ha iniziato a esibirsi in tutta Barcellona, la sua prima tournée è stata in Azerbaigian con la compagnia Tuto, Iván Alcalá e Juaquín el Duende, tra gli altri. Si è esibito con artisti come Antonio Canales, Saray García e Rafael Amargo, Barullo e Farruquito nella Sala Apolo. Ha anche collaborato con Duquende nella registrazione dell’album Kantata. Ha uno stile puro e gitano ed è specializzato in Soleá, Seguiriya e Fandango.

 

 

José Manuel Doya Zambullo

José Manuel Doya di Barcellona, “Zambullo”, torna al Tablao Flamenco Cordobes. Con radici di Jerez e voce pura, zingara e sentita dal cuore. Il cantaor ha girato le sale e i teatri più importanti della Spagna e si è esibito al fianco di artisti come Joaquín Cortés, Antonio Canales, Farru, Pastora Galván e Rubén Olmos, tra gli altri.

This post is also available in: Español English Català 简体中文 日本語 Русский Français Deutsch 한국어

restaurant

Tour Gastronomico

read more

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito, accetti il nostro uso di tali cookies.