spettacolo di flamenco

Junco, Rosario Toledo e David Palomar

A partire dal 3 maggio fino a 15 maggio

Biglietti
Torna a spettacoli

Junco (Dal 3 al 15 maggio)

Juan José Jaén Arroyo, conosciuto artisticamente come Junco, è un bailaor nato a Cadice e che inizierà la sua formazione in danza flamenco nel Gruppo di Danza Soleá di Vicente Marrero e nella Scuola della Peña Enrique el Mellizo. Tra il 1996 e il 2005 ha fatto parte della compagnia di Cristina Hoyos come ballerino solista, eseguendo gli spettacoli Caminos Andaluces, Arsa y Toma, Al Compás de Tiempo, Tierra Dentro, Tiempo y Compás e Yerma. Quest’ultimo spettacolo è stato eseguito dal Ballet Flamenco de Andalucía, diretto anche dall’insegnante Cristina Hoyos, in cui è entrato come ballerino solista e coreografo. Nel 2007, al Jerez Flamenco Festival di Jerez, ha presentato il suo spettacolo Junquerías insieme ad artisti del calibro di David Palomar, David Lagos, Ramón Amador e Susana Casas come ospite danzatore. Nel 2009 ha presentato lo spettacolo Por un Sueño insieme alla bailaora Susana Casas, dopo essere stata artista ospite in diverse mostre e compagnie, ha presentato il suo ultimo spettacolo Mirando al Pasado a Siviglia, un omaggio alla scuola sivigliana, dove ha la presenza della bailaoras Susana Casas e dell’insegnante Loli Flores.

 

 

Rosario Toledo (Dal 3 al 16 maggio)

Rosario Toledo, ballerina e coreografa, è riuscita a posizionarsi al vertice della danza flamenca attraverso la sua creatività e la sua arte per trasmettere allo spettatore l’essenza di ciò che ci circonda. Rosario Toledo si è laureata in Danza spagnola al Conservatorio Superior de Danza de Sevilla e ha iniziato la sua carriera professionale con il suo insegnante Charo Cruz. Il suo primo spettacolo è stato “Por Ley de Vida” e, poco dopo, si è unita alla compagnia di Manuela Carrasco e Antonio El Pipa. Dopo i primi passi inizia una carriera professionale che lo ha portato a lavorare con artisti del calibro di Miguel Poveda, Arcángel, Antonio Canales, Israel Galván o Mario Maya. Tra le sue produzioni, presentate su tutto il territorio internazionale, ci sono “El aire de Cádiz”, “Del primer paso”, “Paso para dos”, “Hay fuego en tus ojos”, “Vengo”, “ADN” o “El Pulso” tra gli altri. 

 

 

Sara Barrero

Sara Barrero, ballerina di Tablao Flamenco Cordobes, ha iniziato la sua carriera all’età di 16 anni. Ha ballato in numerosi festival nazionali e internazionali come i festival di flamenco di Parigi, Marsiglia, Lione e Nimes in Francia o il Festival di Flamenco degli Stati Uniti e ha condiviso il palcoscenico con artisti famosi come Belén Maya, Fernando Terremoto o Eva La Yerbabuena. Va notato che nel Festival Jóvenes Valores della città di L’Hospitalet, che si eleva come primo premio Carmen Amaya.

 

 

Tete Fernández

Ricardo Fernández, “El Tete”, è un giovane bailaor nato nel 2000 in seno ad una famiglia di zingari (è il fratello minore del bailaor Miguel Fernández “El Yiyo”), nonostante la sua giovinezza si è guadagnato un posto nel campo del flamenco. La forza e l’eleganza della danza di Ricardo Fernández lo sta portando al top. “El Tete” mostra una grande maturità artistica nelle sue performance, in cui è sempre stato circondato da grandi artisti di flamenco. Negli ultimi anni “El Tete” si è già esibito come residente in sale e festival di flamenco. Tra i riferimenti e le influenze con cui Ricardo Fernández è cresciuto ci sono Joaquín Cortés, José Maya, Farruquito e suo fratello “El Yiyo”.

This post is also available in: Español English Català 简体中文 日本語 Русский Français Deutsch 한국어

Artisti

Chitarristi

 

David Cerreduela

Figlio del famoso chitarrista “El Nani”, è stato chitarrista del Balletto Nazionale di Spagna e ha anche collaborato in numerosi album. Attualmente sta lavorando con il Tablao Flamenco Flamenco Cordobes Barcelona. A 14 anni ha iniziato la sua carriera professionale accompagnando non meno di Lola Flores e Merche Esmeralda. In seguito si è unito alla compagnia di Antonio Canales nelle opere di Torero o Gitano. 

 

 

 

Oscar Lago

Oscar Lago, originario di Cadice, ha iniziato come chitarrista all’età di 10 anni con i maestri Rafael Abujas, Rafael Porras e Andrés Martínez. Ha studiato anche con il maestro Gerardo Núñez e con chitarristi e musicisti come Ralph Towner, Manolo Perfumo o il norvegese Ole Andre Farstad. Oscar Lago si è esibito in importanti festival di flamenco in tutto il mondo, come la Bienal de Málaga, il Festival Flamenco de Jerez o la Bienal de Sevilla.

 

 

 

José Luis Medina

José Luis Medina è un chitarrista nato a Cordoba che inizia a suonare per l’accademia di danza di Eva Rojano. Prende lezioni da grandi maestri della chitarra come Niño de Pura, Eduardo Rebollar, José Luis Postigo, Miguel Ángel Cortés e Pedro Sierra. Si è esibito in importanti festival e manifestazioni di flamenco come la Noche Blanca del Flamenco de Córdoba e ha anche presentato in anteprima il proprio spettacolo al Festival Flamenco de Chateauneuf (Francia). 

 

 

 

Cantanti

 

 

David Palomar 

David Palomar è un cantautore di riconosciuto prestigio e illustre rappresentante dei cantoni di Cadice. Ha iniziato la sua carriera come vocalist, autore e produttore del gruppo “Levantito”. Come cantautore ha mosso i primi passi con la compagnia di Javier Barón, debuttando “Solo por arte” alla Bienal de Sevilla. Entra nella compagnia di Cristina Hoyos e accompagna grandi artisti come Farruquito, Jairo Barrul, Mercedes Ruiz, Rosario Toledo, Junco, Daniel Navarro e José Maya. Nel 2015 fa parte del XXXVº Anniversario nelle tappe del palcoscenico di condivisione Javier Ruibal con Martirio, Miguel Ríos, Juan Echanove, Gabino Diego o Kiko Veneno, tra gli altri. Le sue prime esibizioni soliste iniziano nel 2007, presentando in anteprima il suo spettacolo “Cádiz”, prodotto dall’Agenzia Andalusa per lo Sviluppo del Flamenco, condividendo il palco con Mariana Cornejo e Carmen de la Jara. Nel 2008 pubblica il suo primo album “Trimilenaria”, al quale il sito specializzato deflamenco.com premia il premio per il miglior album di debutto. E solo due anni dopo presenta il suo secondo album “La Viña: Cantón independiente. Nel 2012 pubblica il suo terzo album, presentato durante le celebrazioni del Bicentenario della Costituzione spagnola celebrato a Cadice al Gran Teatro Falla. Un album tributo alla vita e all’opera della brillante Chavela Vargas dal titolo “La Dama del Poncho Rojo” (La Signora del Poncho Rosso). Tra i premi che ha ricevuto ci sono la Bandiera Andalusa, il Premio Camarón de la Isla, il Gaditano dell’anno o il premio “El Público” di Canal Sur. 

 

 

Miriam Vallejo

Miriam Migueles Vallejo è nata nel 1981 a L’Hospitalet de Llobregat. All’età di 9 anni ha iniziato a studiare flamenco dance con Ana Márquez combinando corsi con Matilde Coral, el Mimbre, Belén Maya, Eva la Yerbabuena o Javier Latorre tra gli altri. Ha lavorato dall’età di 13 anni in peñas, festival e tablaos a Barcellona. All’età di 14 anni ha iniziato a combinare la sua carriera di bailaora (ballerina di flamenco) con quella di cantaora (cantante di flamenco), condividendo il disegno di legge in diversi festival con Funi, Andorrano, Juana la del Pipa, Chano Lobato, Juana la Revuelo o Carmen Linares…. Ha lavorato in compagnie come “Mujeres” di Marcos Flores e ha vinto diversi premi in concorsi di canto e danza. A 21 anni ha smesso di dedicarsi alla danza e si è dedicata al canto, specializzandosi nel canto “patrás”. 

 

 

 

Quini de Jerez

Nel corso della sua carriera ha lavorato con molti artisti importanti, come Tomasa Guerrero “La Macanita”, Fernando Terremoto, Elu de Jerez o Merchora Ortega, tra gli altri. All’età di 20 anni, maturo come cantaor, decide di avventurarsi in cante e lasciare il suo tempo come palmero. In El Lagar de Parrilla, uno dei luoghi più emblematici di Jerez inizia come cantautore e inizia le sue esibizioni in peñas, concorsi e festival, vincendo il primo premio al Concorso di Cantes per Bulería de Jerez un anno dopo. Dopo il suo successo si unì alla compagnia di Antonio Gades, girando il mondo dopo il tour: USA, Francia, Londra, Londra, California, Marocco o Brasile sono state alcune delle sue destinazioni.

 

 

 

Manuel de la Nina

Ha debuttato nel 2001 all’età di 8 anni alla Bienal de Sevilla al Teatro López de Vega. All’inizio della sua carriera come solista si è esibito in diversi luoghi di Jerez come Peña Pepe Alconchel, Peña de la Bulería, Peña Tío José de Paula o Peña el Pescaero. Nel 2017 ha pubblicato un album intitolato Pasaje insieme a colleghi come Rafael del Zambo, Enrique Remache e Fernando del Morao, con la partecipazione speciale di Diego del Morao e Manuel Parrilla. 

This post is also available in: Español English Català 简体中文 日本語 Русский Français Deutsch 한국어

restaurant

Tour Gastronomico

read more

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito, accetti il nostro uso di tali cookies.