Torna agli Artisti

flamenco Ballerino

Macarena Ramírez

Chiclana de la Frontera naturale, formata Macarena Ramirez Maribel Gallardo al Conservatorio di Cadice e ha continuato la formazione nelle arti dello spettacolo, studiando pedagogia delle arti visive e danza presso il Rey Juan Carlos I di Fuenlabrada (Madrid) University.

Chiclana de la Frontera naturale, formata Macarena Ramirez Maribel Gallardo al Conservatorio di Cadice e ha continuato la formazione nelle arti dello spettacolo, studiando pedagogia delle arti visive e danza presso il Rey Juan Carlos I di Fuenlabrada (Madrid) University.

Come un bambino Macarena Ramirez eccelleva come artista e ballerino, diventando uno dei ballerini della compagnia di Antonio el Pipa nel 2002, che partecipa a "Puertas Adentro", "Dance Cali" e "De tablao". Ha anche interpretato Lola Flores da bambina nel film "Lola, la película".

Nel 2010 Macarena viene assegnato una borsa di studio da parte del Centro Andaluz de Danza e fece il suo primo tour internazionale con Mariana Cornejo dai Paesi Bassi, anche partecipato alla registrazione del film "Verde que te quiero verde" con Cristina Hoyos. Il film racconta la storia di una ragazza figlia di immigrati e coinvolta in un mondo oscuro di droghe, e arriva un momento in cui decide di andare a trovare la nonna a Granada (Cristina Hoyos), che ha un scuola di danza, per andare avanti con la sua vita attraverso il flamenco.

Da quel momento in poi, Macarena Ramírez ha iniziato a lavorare con alcune delle figure più importanti della scena del flamenco, che l'hanno portata a visitare i festival più importanti della Spagna, da solo o come parte di uno spettacolo.

Partecipa al Festival de Jerez con lo spettacolo "Viva Jerez", prodotto dalla Fondazione Teatro Villamarta in collaborazione con l'Agenzia andalusa per lo sviluppo del Flamenco. Ha contato con Antonio El Pipa, La Macanita e Jesús Méndez come artisti ospiti, con la coreografia di Javier Latorre e le composizioni di Paco Cepero. Ha anche partecipato alla Biennale di Siviglia nella sezione delle giovani promesse intitolata "Flamenco che arriva", insieme a Paloma Fantova, dove ha raccolto un grande successo per alegrías, farruca e soleá. Si è esibita l'anno seguente alla Biennale di Malaga come ballerina solista nello spettacolo presentato da Antonio El Pipa.

Durante questo periodo ha collabora anche con Sara Baras nello spettacolo stampe "La Pepa" drammaturgia fiammingo basate rappresentano Pepa Cadice (1810- 1812), l'orrore della guerra, la bellezza della loro terra, l'importanza di creare una costituzione storica nel mondo; influenza, speranza, gioia, voglia di vivere e libertà. Spettacolo di danza flamenca spruzzato di dettagli gaditanos che riassumono il carattere peculiare della gente di questa terra benedetta e che finisce in una "Pepa" di oggi, 200 anni dopo.

Poco dopo, è entrato a far parte della compagnia di María Pagés con lo spettacolo "Yo, Carmen". Il personaggio di Bizet è l'inizio di uno spettacolo che cerca di disarmare gli stereotipi inculcati per secoli al silenzio dell'essenza della donna reale. Una donna che parla di donne, con i bordi che li modellano e li sostengono. La riflessione coreografica di Pagés cerca di affrontare il mito e privarlo dell'immagine prefabbricata che tutti abbiamo incorporato per mostrare sul palco un più accurato e veritiero.

Compagnia di danza Macarena Ramírez
Di recente ha iniziato la sua carriera come coreografa, creando la sua compagnia di flamenco e presentando i suoi primi due spettacoli: "8 letras, 8 palos" e "Recuerdos". Attraverso "Recuerdos", l'artista entra nella pelle di una ex bailaora in pensione, che ricorda la sua giovinezza come ballerina e artista, una vita che ha dovuto rinunciare per dedicarsi alla sua famiglia. Macarena Ramírez intende, attraverso la danza, rendere omaggio a tutte quelle donne che hanno dovuto lasciare i loro sogni per dedicarsi alla loro famiglia.

Egli è accompagnato nel suo viaggio attraverso i ricordi il suo cast di artisti: José Zarzana il pianoforte, David Carpio e maggio Fernandez canto, Pascual de Lorca e Juan José Alba al tatto, Emilio Martin al violino e Jero Bellido come tecnico luci.

Ha unito i suoi tour con le esibizioni nei più importanti tablaos della Spagna, come il Corral de la Moreria che recentemente ha iniziato a collaborare con Tablao Flamenco Cordobes Barcelona.

Intervista pubblicata su Diario de Jerez (2/3/2013)
Ha solo 20 anni ma sul palcoscenico ne appare molti di più, perché se qualcosa di Macarena Ramírez ha una personalità forte, una risorsa preziosa quando vuoi essere un artista. Dopo che lucida l'anno scorso a Jerez Viva!, Il Chiclanera avrà la sua chance stasera società dove riveste artisti come David Carpio, Pascual de Lorca e pianoforte Joseph Zarzana, tra gli altri.

-Nervoso come il grande giorno si avvicina ...
-Sì, mi sento già nervoso e domani -per oggi- sono sicuro che sarò attaccato. La verità è che sono molto grato che mi abbiano ricordato di essere in questo grande festival.

"Lo avrà guadagnato anche lui, vero?"
-Beh, fai quello che puoi, l'anno scorso nello show 'Viva Jerez' tutti hanno parlato bene del seguiriya con una bata de cola che ho fatto e che mi ha dato una spinta.

- Capisci che è un'opportunità?
-Certo

-Certo perché ti danno una Company Room in un Festival de Jerez non è usuale. Quando mi hanno chiamato ero molto felice perché ti chiamano con tutte le brave persone che ci balla è una gioia. Onestamente, non credo ancora di essere stato chiamato.

-Sei abituato a lavorare con le aziende, ma quando si tratta di preparare tutto, è molto diverso quando viene fatto da solo?
'Questo chiaramente non è lo stesso essere sotto la protezione di persone come Antonio El Pipa, Viva Jerez o Sara Baras a ballare da sola. La responsabilità è tua e quindi la sto preparando. Inoltre, questa volta sarà la prima volta che ballerò nella Sala Compañía perché l'ho sempre fatto a Villamarta. Per la prima volta le persone mi vedranno ballare e questo impone.

-Che temi di più?
danza -a stessa perché ogni danza che faccio sono difficili da interpretare, per esempio, voglio alegrías con un bata de cola e scialle e che, non importa come lo avete provato, come collegare lo scialle, un brutto affare. Allora farò sole e seguiriya, che sono due dei bastoncini che mi piacciono di più.

-Nana, seguiriyas, soleá ... Non è troppo triste uno spettacolo?
- (Risate) Può darsi, ma è la realtà di una donna che deve lasciare la sua danza per la sua famiglia e suo marito.

- E perché questa trama perché non è normale per una ragazza di 20 anni concentrare la sua danza su tributi del genere?
-Semplicemente perché ho incontrato diverse donne che hanno lasciato il ballo per quello. Perché lo faccio? Perché mi è venuto in mente e penso che ci meritino di ricordarli.

- Vedendo il suo cast artistico, vediamo che si è circondato con il suo popolo di fiducia ...
-Certo, perché le persone dietro sono molto importanti per me, devono riempirmi suonando e cantando. Per ora sono molto ben confezionato, sono le persone di cui mi fido.

-Per chi non ti conosce, chi è Macarena Ramírez?
Macarena Ramirez è una ragazza di 20 anni di Chiclana, ma da quando aveva 6 anni sono stato a Jerez, prima con María del Mar Moreno e poi con Antonio El Pipa. Ho anche il grado medio di Danza del Conservatorio di Cadice, e ho lavorato recentemente con Sara Baras. Bene, sto anche studiando una laurea in arti visive e pedagogia alla Rey Juan Carlos University di Madrid.

- E hai tempo anche per studiare?
- (Risate) Sì, la verità è che su sette soggetti ne ho uno solo, non è male.

A parte María del Mar Moreno, Antonio El Pipa e Sara Baras, con coloro che hanno vissuto di più, quello che è stato più riferimenti nella danza?

-Perché non mi piace ballare qualcuno, devono ballare molto male, molto male, molto male. Cerco di stare con il meglio di ogni insegnante. Ad esempio, ora che vado a Madrid per seguire i corsi cerco di imparare da tutti perché ho ancora molto da migliorare. Comunque, ho fissato un sacco di Eva Yerbabuena, Rocío Molina in a Manuela Carrasco, con tale forza che ha ... Per me tutti hanno qualcosa da piacere e cercare di fare a modo tuo, senza copiare e dare la vostra personalità.

FONTE: http://www.diariodejerez.es/article/xviifestivalflamencojerez/1471796/todavia/no/me/creo/me/hayan/llamado/para/este/festival.html

restaurant

Festa di Capodanno e Flamenco

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.