Torna agli Artisti

flamenco Cantante

Zambullo

José Manuel Doya, meglio conosciuto come "El Zambullo" è un giovane cantaor cresciuto nel quartiere di Verdum a Barcellona. Con radici di Jerez e pura, zingara e celerità al cuore. Con tutta l'eco di Jerez e un suono eccellente.

José Manuel Doya, meglio conosciuto come “El Zambullo” è un giovane cantaor cresciuto nel quartiere di Verdum a Barcellona. Con radici di Jerez e pura, zingara e celerità al cuore. Con tutta l’eco di Jerez e un suono eccellente.

Zambullo ha iniziato ad assorbire il flamenco da bambino, a casa. Con soli 15 anni ha formato un gruppo musicale con parenti e amici del quartiere e ha iniziato a lavorare nei tablaos di Barcellona, ​​tra cui il Tablao Flamenco Cordobes, dove si è esibito per anni.

Poco dopo aver compiuto 20 anni, Zambullo si imbarcò in un viaggio a Madrid con la compagnia di Joaquín Cortés. Durante quel periodo, praticamente tutti i tablaos della capitale hanno funzionato, compresi quelli più importanti come Casa Patas, Carboneras o Corral de la Morería.

Al momento è tornato a Barcellona, ​​dove ha iniziato a lavorare con il laboratorio di musicisti e artisti della statura di Chicuelo o Montse Cortés, tra molti altri. Anche in questo caso, è tornato a recitare nei principali tablao di Barcellona.

Dopo aver vissuto alcuni anni a Barcellona, ​​Zambullo si reca a sud, precisamente a Siviglia, dove si stabilisce e inizia a lavorare al Ballet Andaluz, dove incontra Antonio Canales, Pastora Galván e Rubén Olmos. Insieme a loro lavora per un anno recitando in città come Madrid e l’Alhambra a Granada.

Fu in quel periodo che incontrò Farruquito e la sua famiglia, con cui ha lavorato negli ultimi cinque anni, condividendo un tour con paesi come India, Messico, Stati Uniti, Brasile, Argentina, Uruguay e Cile.

Ha lavorato a Siviglia per 6 anni, 3 dei quali hanno vissuto nella città di Arcos de la Frontera a Cadice, esibendosi nei principali tablao della zona.

Quando gli chiedi del suo club preferito, risponde che si sente identificato cantando “por bulerías” perché è un cenno che ha sentito per tutta la vita a casa e in feste come Natale, matrimoni, ecc.

Sua moglie, La Favi, è anche una cantaora, formando così una coppia di artisti.

This post is also available in: Español English Català 简体中文 日本語 Русский Français Deutsch 한국어

restaurant

Tour Gastronomico

read more

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito, accetti il nostro uso di tali cookies.