spettacolo di flamenco

Ottobre a Tablao Flamenco Cordobes

A partire dal fino a

Biglietti
Torna a spettacoli
Il freddo sembra timido e gradualmente rinfresca la passeggiata di una Rambla più viva che mai. Per questo mese Tablao Flamenco Cordobes è riuscito a riunire un cast di artisti di prim'ordine. Un incontro alla sommità della danza in una fase storica carica di arte e talento.Google Translate Icon
Artisti
Il freddo sembra timido e gradualmente rinfresca la passeggiata di una Rambla più viva che mai. Per questo mese Tablao Flamenco Cordobes è riuscito a riunire un cast di artisti di prim'ordine. Un incontro alla sommità della danza in una fase storica carica di arte e talento.Google Translate Icon

Amador Rojas

Come rappresentante singolare di Siviglia, dopo un anno di distanza dalle tappe di Barcellona, ​​Amador Rojas ritorna (1-18). Il leggendario discepola Farruco, che gli ha insegnato le basi del flamenco, la sua passione per la danza lo spinge verso una continua ricerca da autodidatta, creando la propria coreografia con uno stile personale e inimitabile. Genius, la sua carriera di successo lo ha visto vincere numerosi premi, tra cui il premio "Best New Artist" alla Bienal de Flamenco 2008, il "La Venencia Flamenca" Il 2009 del Premio o The Golden Lyre Musicianship Award 2010.

Karime Amaya
erede Instancabile e meritato al nome Amaya, Karime Amaya (1-31) continua i suoi spettacoli ai teatri di tutto il mondo, e soprattutto per la sua nativa del Messico. New York, Tokyo, Albuquerque, Quito, New Mexico, Madrid, Mont-de-Marsan sono alcune delle città che hai visitato, con i loro spettacoli e collaborando con altri artisti come Farruquito, Antonio Canales e Mario Maya, tra altri.

E 'anche uno dei protagonisti del documentario "Bajari" di Eva Vila, che mostra il flamenco a Barcellona. Ha fatto il suo debutto professionale con soli 9 anni in compagnia dei loro genitori, la ballerina "La Vinoso" e il chitarrista Santiago Aguilar, e da allora la sua lunga carriera ha i suoi portato ad essere uno dei ballerini di riferimento, in particolare a Barcellona.

Belén López

Dobbiamo anche tornare al Betlemme Lopez fino al 16 ottobre. ballerino presto in tutti gli aspetti, la loro formazione in danza classica, che si applica anche alla sua coreografia di flamenco, consente di eseguire le acrobazie più spettacolari senza perdere l'autenticità e il flamenco estetica. Ha iniziato la sua carriera da bambino, durante l'inaugurazione di Calle Carmen Amaya a Barcellona, ​​alla presenza del sindaco Pasqual Maragall. Le sue tremende condizioni per la danza hanno portato a teatri più importanti del mondo fin dall'infanzia, venendo a rappresentare la Spagna in diverse edizioni della Fiera Internazionale del Turismo (Inturfest). È uno dei giovani ballerini più completi, oltre ad un riferimento flamenco di Catalunya.

Juan José Villar

Juan José Villar discende saga di Villar, una stirpe di artisti gaditanos che ha avuto inizio con il nonno, il cantaor Juanito Villar e continuò con il padre, il cantante Juan Villar Junior. Sua madre, Susana Gómez, è anche un artista, essendo nel suo caso bailaora. Con tutto questo bagaglio familiare dietro di lui, non sorprende che Juan Jose abbia seguito le orme dei suoi antenati. In realtà, si sentiva il richiamo del flamenco da una molto piccola, con solo 8 anni e zapateba sul palcoscenico della Peña Flamenca "La Perla de Cádiz". Si è diplomato presso il Conservatorio di Danza "Antonio Ruiz Soler" (Sevilla) e ha seguito corsi con artisti del calibro di Juan Ogalla, Concha Jarecki, Mercedes de Córdoba, Pepe Torres, La Lupi, Farruquito, Ángel Muñoz, David Paniagua , "El Güito" e Olga Pericet.

Ha fatto diversi tour in Giappone e nel 2016 ha vinto il Primo Premio nel "Concorso Nazionale delle Las Carboneras" (Madrid). Nello stesso anno ha fatto apparizioni su "Mostra Improvisao, Farruquito al Teatro Quintero" (Sevilla) e le "Mostra Bailaores" insieme a Joni rivet e cartelle.

Ha tenuto tournée Azerbaigian con lo "spettacolo Chicuco" Sergio Monroy e ha anche partecipato alla Bienal de Sevilla con spettacolo per bambini "La Sirenetta Tra Mares andalusi", prodotto da Flamencos por el Mundo (Starring Prince). Nonostante la sua la gioventù, ha già condiviso il palco con artisti del calibro di Carmen Ledesma, Pepe Torres, Almudena Serrano e Choro Molina, tra molti altri.

Ana Pérez Servius
E abbiamo chiuso il cast di ballerini di ottobre con Ana Pérez. Nato in Francia, anche se figlia di artisti, ha vissuto a Siviglia per 7 anni. Con una formazione completa, che ha già agito nelle principali tablaos ed è stata una rivelazione Festival Mont-de-Marsan e Nimes dove ha presentato il suo show. Ha anche collaborato a "Monochrome", diretto da Andrés Marín e Cristina Hall di Bienal di Siviglia nel 2014. Chiuse con quest'ultimo il Düsseldorf Flamenco Festival nel 2016 con "Translucent". Autentico flamenco, porta in esso un peso e una maturità che influenzano il pubblico. La novità che porta alla danza deriva dalla sua personalità, dalle sue radici africane e da una cultura contemporanea aperta al mondo.

cante

Mara Rey

Nato 9 marzo 1979 a Madrid, in tenera età ha cominciato a muovere i primi passi in Messico in teatri come Belle Arti e Coba Rubia, con il padre Tony Rey (chitarra) e suo fratello Antonio Rey, famoso chitarrista, conciertista , solista e creatrice di musica per grandi aziende. Da anni lavora come ballerino e cantaora con Manuela Carrasco, Los Farrucos, Poveda, El Pipa, Duquende, ecc. e si è esibito in importanti festival come il Bienal de Flamenco e il Festival di Jerez. Il cantante di Madrid si esibirà a Tablao Flamenco Cordobes dal 1 al 26 aprile.

Piccolo pizzico

José Astárida, meglio conosciuto come "El pechuguita, ha cantare un vecchio stantio, ortodossa e ricorda Antonio Mairena. Dalla sua primavera gola nera e filante suoni che circondano affronta una voce profonda, piena di gravità.

Ha lavorato nei principali teatri della Spagna, tra cui Lope de Vega, La Maestranza de Sevilla, Fibes, Central e anche la Biennale di Siviglia.

Oltre attraversato la nazionale di geografia, arte, impegno e dedizione hanno portato alla pechuguita tour nelle Americhe, in Gerusalemme, la Serbia e Casablanca.

Un cantante che, nonostante la sua giovinezza, ha già affascinato gli spettatori della metà del mondo. Una voce e una tecnica che lo rendono una delle giovani promesse di cantare di flamenco.

Antonio Campos "Bocaillo"

Nato a Barcellona, ​​nei pressi di Bon Pastor, è cresciuto fin dall'infanzia in un ambiente di flamenco. Si è formato come cantante professionista nel Tablao Flamenco Cordobes, lavorando con grandi artisti, nomi come Karime Amaya, Susi, Pastora Galván, Jesus Carmona, Angelita Montoya, Guadiana, il Junco, il Farru, Patricia Guerrero, José Maya, Alfonso Losa, Marcos Fiori, Olga Pericet o la Moneta. Dalla mano di grandi cantaores per ballare, come Manuel Tañé, Antonio Villar, Rubio de Pruna o il Coco, solo lucidato il suo talento.

Miguel de La Tolea

Cantaor nato in Catalogna, figlio di La Tolea e cresciuto in diverse parti della Spagna, dal momento che accompagna la madre nelle sue rappresentazioni.

A 16 anni è entrato nel gruppo chiamato Cambalache facendo un tour in tutta Europa, anche recitato con la madre per i diversi paesi e in 18 è andato in giro per il mondo del lavoro, in compagnia di Joaquín Cortés per un anno e mezzo.

Ha lavorato in Giappone per 6 mesi e al suo ritorno si trasferisce a Madrid, dove ha avuto l'opportunità di lavorare con grandi artisti come Manolete, Antonio Canales e Rafael Amargo. Ha lavorato nuovamente per Joaquín Cortés fino all'entrata in compagnia di Sara Baras in cui è rimasto quasi 10 anni. Miguel è esibito con grandi artisti di flamenco come Niña Pastori, Tomatito, Estrella Morente, Joaquín Sabina, Miguel Poveda, etc.

José de la Miguela

José de la Miguela è una cantante catalana che ha collaborato con esponenti del flamenco come Antonio Canales, oltre ad aver lavorato in importanti sedi a Barcellona e in Catalogna, tra cui il Tablao Cordobes.

Zambullo

José Manuel Doya, meglio conosciuto come "El Zambullo" è un giovane cantaore sollevato nel quartiere di Barcellona di Verdum. Radici di Jerez e canta pura, zingara e cuore. Con tutta l'eco di Jerez e un eccellente soniquete.

Dopo un paio di anni che vivono a Barcellona, ​​Zambullo dirige a sud, in particolare a Siviglia, dove si stabilì e cominciò a lavorare al Ballet Andaluz, dove incontra Antonio Canales, Pastora Galván e Rubén Olmos. Insieme a loro lavora per un anno in città come Madrid e Alhambra a Granada. Fu in questo momento che ha conosciuto Farruquito e la sua famiglia, con i quali ha lavorato negli ultimi cinque anni, condividendo tour con paesi come India, Messico, Stati Uniti, Brasile, Argentina, Uruguay e Cile. Ha lavorato a Siviglia per 6 anni, di cui 3 abitati nella città di Cadice di Arcos de la Frontera, che agiscono nelle principali tabelle della zona. Quando gli viene chiesto il suo club preferito, risponde che si sente identificato cantando per bulerías perché è una canzone che ha sentito tutta la sua vita a casa e in feste come Natale, matrimoni, ecc.

restaurant

Festa di Capodanno e Flamenco

read more

Questo sito utilizza cookies. Se si continua la navigazione, abbiamo considerare di accettare il suo utilizzo.